Georges Perec. Memoria, fotografia, scrittura | I tacuini di Perec

Georges Perec. Memoria, fotografia, scrittura.

Christelle Reggiani ci aiuta a comprendere quale rapporto Georges Perec abbia intrattenuto con la fotografia e in che modo l’abbia usata per i propri progetti letterari. La fotografia per Perec, spiega Reggiani, è falsa e difettosa, non ha nemmeno le capacità che le vengono tradizionalmente attribuite cioè le funzioni di attestazione e designazione, ma è da questa versione larvale della fotografia che prende origine la scrittura di Perec, uno dei fenomeni letterari più interessanti del ‘900.

  •  
  •  
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
    2
    Shares
Mostra fotografica Women at Work a Palazzo Ducale Genova

Women at Work: il lavoro alle donne. Conversazione con Manuela Caccioni del Centro Antiviolenza Mascherona.

La situazione è tutt’altro che rosea. Nel mondo, in Europa, in Italia dove aumentano i femminicidi e l’occupazione maschile resta percentualmente superiore a quella femminile. Dove, nelle situazioni di crisi, il mondo del lavoro preferisce sacrificare le donne. Servono continui richiami, serve lavorare strutturalmente. Servono anche i piccoli interventi e serve portarli alla luce, soprattutto quando sono sorretti da idee forti. Come in questo caso.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Ariella Azoulay - Civil Imagination | I taccuini di Perec

Ariella Azoulay: Civil Imagination, l’ontologia politica della fotografia.

  • Silo

Ariella Azoulay insegna Letterature comparate negli Stati Uniti e Visual culture a Tel Aviv. Ha pubblicato Civil Imagination in ebraico nel 2010. Il libro è stato tradotto in italiano nel 2018. La sensazione è che il suo pensiero non possa ambire ad un vasto seguito in Italia, quindi la inserisco nel Silo, perché penso sia importante tenere attivo lo sguardo, allontanarlo da quell’idea di contemplazione che ha radici così profonde nella cultura classicista di questo paese.

  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
    1
    Share
Jean-Marie Floch. Forme dell’impronta | I taccuini di Perec

Jean-Marie Floch. Forme dell’impronta: Brandt, Cartier-Bresson, Doisneau, Stieglitz, Strand.

Jean-Marie Floch, semiologo strutturalista, nel 1986 pubblica questo contro-saggio per rispondere alla Camera chiara di Barthes e a L’atto fotografico di Dubois, due testi ancorati alla funzione referenziale della fotografia. A Floch interessano le fotografie, al plurale, immagini tra le immagini. Esclude ogni intento ontologico e osserva il senso che emerge dalla lettura degli aspetti plastici delle foto più che di quelli figurativi, per trarne processi inferenziali riproducibili.

  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
    1
    Share