Vai al contenuto

Luigi Ghirri. Un dialettico tocco di zen.

Still-life è il secondo dei volumi su Ghirri che la moglie Paola ha curato per Baldini Castoldi Dalai e raccoglie le fotografie che hanno fatto parte della serie omonima. Piacevano a Ghirri e piacciono anche a me quelle sovrapposizioni naturali, quelle trasparenze, quei giochi arditi dell’inquadratura, quei tagli sugli oggetti o sulle immagini che troviamo in Still-Life. Piacciono a tutti? Probabile. Sono i luoghi del riconoscimento, quelli in cui lo sguardo incontra la nostalgia di un mondo.

Afferrare la vita: Jacques Henri Lartigue, Nan Goldin e The ballad of sexual dependency.

Confrontare il modo in cui la fotografia è stata utilizzata da Nan Goldin e da J. H. Lartigue, due autori che operano in situazioni e in epoche diverse, ma a partire da problematiche esistenziali simili, permette alla forma diaristica di rivelarsi come forma espressiva connaturata sia al medium fotografico che a quello scrittorio. Parallelamente, lo spostamento dell’attenzione dal contenuto al medium, consente la riemersione di quello che è il più vero e profondo senso della Ballad.

Ian Ruhter, il collodio umido e lo spirito di Gordon Matta-Clark a Bombay Beach.

Come altri fotografi, Ian Ruhter è tornato all’analogico. Ha compiuto un percorso a ritroso, fino a recuperare il collodio, una tecnica nella quale la manipolazione dei materiali si fa completa e inevitabile. Gli ambrotipi di Ian, con le loro qualità materiali e tattili, tuttavia sembrano, soprattutto a coloro che come me si trovano a osservarli attraverso uno schermo, soltanto un momento all’interno di un lavoro processuale che coinvolge rapporti, vissuti e il concetto di trasformazione.