Vai al contenuto
Blog » Silo » Pagina 2

Silo

Nel Silo dei Taccuini di Perec ci sono gli autori, i libri, le immagini, i pensieri dei due secoli più controversi e caotici della storia. Le fotografie che sono diventate icone e quelle che sono diventate simboli. I libri e gli scrittori che devono essere letti e conosciuti, quelli che si rileggono mille volte, per tutta la vita. Ci sono i pensieri che hanno formato l’ossatura della nostra storia, giusti o sbagliati che fossero. La fotografia è entrata nella storia dell’umanità come oggetto antropologicamente nuovo. Lo ha detto Roland Barthes. Roland Barthes se ne sta nel Silo, insieme a Robert Capa, Ansel Adams, Robert Frank, Walter Benjamin, Rosalind Krauss. Nel Silo c’è chi ha posato una pietra, chi ha creato un livello di pensiero, un presupposto. Qualcosa che sia rimasto valido per decenni o che sia stato superato, ma necessariamente superato, hegelianamente. Si potrebbe dire che stiamo parlando delle basi, come quando si entra in età scolare e si comincia dall’ABC. Ma qui non si tratta di bignami, manuali, concentrati di storia, centrifughe di concetti. Si tratta delle vette. Prevedo dunque, che questa categoria, la quale in base a una visione occidentale dovrebbe costituire il fondamento dell’intera costruzione, finirà col riempirsi molto lentamente, con interventi minimi. Aggiungere e togliere. Scrivere, cancellare e riscrivere. Come un giardino zen.

Essere Fulvio Roiter.

  • Silo

Nessuno forma nell’isolamento il proprio modo di stare al mondo; è la lezione di Wölfflin. Vale anche in fotografia, vale anche per Fulvio Roiter. Il fotografo di Meolo ha condiviso l’humus che ha nutrito il suo lavoro con tantissimi altri autori. Molti hanno in seguito sviluppato espressioni differenti e ad essi peculiari. Roiter ha avuto diversi compagni di viaggio, ma è rimasto indipendente, attaccato alla propria ricerca e alla propria autorialità.

Philippe Dubois: l’atto fotografico e il punto di vista pragmatico.

  • Silo

Questo saggio di Dubois è stato pubblicato a Bruxelles nel 1983 e tradotto in Italia, 13 anni dopo, da QuattroVenti. Intendiamoci, dobbiamo essere grati alla casa editrice urbinate perché i saggi fondamentali di storia e teoria della fotografia, in Italia di regola non vengono tradotti. Nemmeno con dieci anni di ritardo. Questo di Dubois rientra tra i saggi fondamentali per ragioni storico critiche, ma anche per l’attualità di un discorso che sostituisce la fotografia con il fotografare.

Joseph Nicéphore Niépce e il mito della prima fotografia della storia.

  • Silo

La “Veduta dalla finestra a Le Gras” di Niépce è la prima fotografia della storia? Le estenuanti ricerche di Gernsheim e il suo entusiasmo di ricercatore contribuirono a renderla tale. In realtà, Niépce era lontano da ciò che avrebbe voluto realizzare: un sistema di riproduzione iconografica che impiegasse una camera oscura per ottenere matrici inchiostrabili. La domanda è comunque un buon pretesto per ripensare al modo in cui la fotografia è entrata nei processi di stampa e ai suoi rapporti con l’incisione.