Blog » libri

libri

Ariella Azoulay - Civil Imagination | I taccuini di Perec

Ariella Azoulay: Civil Imagination, l’ontologia politica della fotografia.

  • Silo

Ariella Azoulay insegna Letterature comparate negli Stati Uniti e Visual culture a Tel Aviv. Ha pubblicato Civil Imagination in ebraico nel 2010. Il libro è stato tradotto in italiano nel 2018. La sensazione è che il suo pensiero non possa ambire ad un vasto seguito in Italia, quindi la inserisco nel Silo, perché penso sia importante tenere attivo lo sguardo, allontanarlo da quell’idea di contemplazione che ha radici così profonde nella cultura classicista di questo paese.

Jean-Marie Floch. Forme dell’impronta | I taccuini di Perec

Jean-Marie Floch. Forme dell’impronta: Brandt, Cartier-Bresson, Doisneau, Stieglitz, Strand.

Jean-Marie Floch, semiologo strutturalista, nel 1986 pubblica questo contro-saggio per rispondere alla Camera chiara di Barthes e a L’atto fotografico di Dubois, due testi ancorati alla funzione referenziale della fotografia. A Floch interessano le fotografie, al plurale, immagini tra le immagini. Esclude ogni intento ontologico e osserva il senso che emerge dalla lettura degli aspetti plastici delle foto più che di quelli figurativi, per trarne processi inferenziali riproducibili.

L'affaire Capa. Processo a un'icona - di Vincent Lavoie | I taccuini di Perec

L’affaire Capa. Processo a un’icona – di Vincent Lavoie.

L’affaire Capa di Vincent Lavoie è un libro che parla dei processi intentati alle più famose e iconiche fotografie di Robert Capa ma è, allo stesso tempo, un libro utile per scardinare quel che resta di una mitologia ormai tossica. Aiuta a capire che il nostro modo di attribuire autenticità alle immagini e al nostro passato ha radici storiche e culturali, corrisponde a pochi “regimi di verità”, come li chiama Lavoie seguendo Foucault, che dovremmo imparare a riconoscere e a tenere distinti.